Nascita della FONDAZIONE FRANCESCO II DI BORBONE nella Basilica di Santa Chiara

19 gennaio 2015, un bellissimo momento, sentito ed emozionante, vissuto in questa giornata nella stupenda Basilica di Santa Chiara, dove si conservano le tombe dei Reali del Regno delle Due Sicilie. Appuntamento organizzato in occasione del 90° anniversario della morte della Regina Maria Sofia di Wittelsbach, dal Prof. Erminio Di Biase e dai Comitati Due Sicilie. Prima che fosse celebrata la Santa Messa, ci si è radunati nella sala Maria Cristina, per commemorare insieme l'augusta defunta Regina, moglie di Re Francesco II di Borbone, ultimo Re del Regno delle Due Sicilie.

Come già precedentemente annunciato, proprio in questa occasione, ospiti dei Comitati Due Sicilie, un movimento socio-culturale identitario, che vuole riappropriarsi della propria memoria storica per ridare al popolo meridionale la sua dignità e farlo uscire da quello stato di minorità ed inferiorità a cui è stato costretto dall'atroce colonizzazione subita, abbiamo voluto costituire ufficialmente la Fondazione "Francesco II di Borbone"

 

Quale momento più bello e significativo. Mentre si ricordava colei, che seppure tra tormenti e situazioni difficili è stata "la compagna più autentica" dell'infelice Re, colei che gli rimase accanto nei tragici giorni di Gaeta, colei che ne raccolse intimamente il dramma e il desiderio di riscossa, e che lo incarnò nel suo stesso cuore, colei che ha raccolto l'ultimo sospiro di Francesco II in quella lontana terra trentina, proprio in questa circostanza iniziare quest'opera straordinaria, che vuole incarnare in sé gli alti ideali di Re Francesco II di Borbone, e che sono stati trasmessi nello stesso logo e nello Statuto, che la Fondazione si vuole impegnare a vivere.

 

 

Sui passi di Francesco II di Borbone, i fondatori di questa realtà, e tutti quelli che vorranno seguirne l'ideale, si impegneranno a vivere lo spirito identitario di questo Sovrano, che non ha mai rinnegato l'appartenenza a questa nostra Terra delle Due Sicilie, ad incarnare e vivere i suoi aneliti di cultura, di fede, di solidarietà, di carità.

 

 

 A conclusione della Santa Messa, proprio sulla tomba del Re, emozionati e commossi, i Soci Fondatori Promotori, hanno firmato l'Atto di Costituzione della Fondazione "Francesco II di Borbone", sentendo accanto la presenza di tutti voi, che amate l'Augusto Re.

 

Sono tanti i progetti che la Fondazione si propone di concretizzare, con l'aiuto di Dio e l'intercessione della Vergine Maria, della Beata Maria Cristina e del virtuoso Re Francesco, e anche dell'eroina di Gaeta, Maria Sofia, che insieme e accanto al suo sposo divenne la soccorritrice e la consolatrice della nostra gente. Ma anche con l'aiuto di quanti, raccogliendo proprio l'esempio e la memoria di Francesco II, vorranno aderire alla Fondazione.

 

Certamente con nessun spirito di rivalità o chiusura, ma solo raccogliendo l'eredità di Francesco II, senza alcun zelo sfrenato o turbolenza, nella concordia e nella pace, fortemente uniti a chi ha raccolto e rappresenta proprio la continuità di questa eredità, è nata questa Fondazione. Tutti possono aderire e collaborare ad essa, nella volontà di seguirne gli Statuti, che saranno inseriti in questa bacheca, affinché tutti ne possano prendere visione.

Il nostro augurio è che non ci siano polemiche e contrapposizioni inutili, ma serenità nel procedere verso un "sogno", che sappiamo condiviso da altri, e che speriamo insieme di realizzare.

 

La presenza di numerosi amici, venuti anche da altre zone delle Due Sicilie, di diversi Cavalieri del Sacro Ordine Costantiniano, della rappresentanza di altri gruppi e movimenti del sud, ci incoraggia e ci da sostegno. Con le stesse parole di Re Francesco salutiamo e diciamo grazie e a tutti "stringiamo le mani con effusione d'affetto e di riconoscenza…".

 

Firma Pantaleo Losapio Firma Pantaleo Losapio
firma don Massimo Cuofano firma don Massimo Cuofano
firma don Luciano Rotolo firma don Luciano Rotolo

Commenti